A Volpiano un Centro di Ricerca per le prove sui materiali

Bytest e Università del Piemonte Orientale aprono un centro di ricerca innovativo: nuove tecniche di analisi per i metodi non distruttivi

Bytest, parte del gruppo TÜV SÜD, ha recentemente aperto un Centro di Ricerca nella propria sede di Volpiano (TO), in collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale (UPO) per sviluppare tecnologie di supporto ai controlli distruttivi e non. Il focus è in particolare sull’innovazione nelle più moderne tecniche diagnostiche, migliorando la precisione degli attuali metodi e sviluppando nuove tecniche di analisi.

Parte del gruppo TÜV SÜD dal 2012, Bytest ha nel proprio core business la ricerca di errori nella costruzione di elementi, parti o componenti e si rivolge a differenti settori industriali, tra cui quello Aerospace, in cui la perfezione costruttiva deve essere massima. Per continuare nel suo processo di espansione e crescita, Bytest ha deciso di investire nella Ricerca e Sviluppo, creando così al proprio interno un centro operativo orientato a investigare sulle nuove tecnologie di analisi non distruttiva, legandosi ad una realtà universitaria di eccellenza e da sempre votata alla ricerca, come l’Università del Piemonte Orientale.

 

Bytest, riferimento per le prove sui materiali

Bytest è oggi un polo di eccellenza nel settore delle prove distruttive e non distruttive secondo diversi metodi, che svolge in base ad accreditamento NADCAP (National Aerospace and Defense Contractors Accreditation Program) presso le due sedi principali di Volpiano (TO) e Benevento. Bytest, oltre ad essere Centro di Esame CICPND, è certificata ISO 9001 e AS 9100, quest’ultima relativa al Sistema di Gestione Qualità specifica per le aziende produttrici di sistemi, attrezzature, componenti originali aerospace e fornitrici del settore TIC.

“L’insediamento del Centro di Ricerca in Piemonte deriva dalla storia della nostra azienda che è profondamente radicata in Piemonte, anche se con sedi anche in altre zone di Italia, come Avellino”, afferma Stefano Pasquino, Quality Manager Bytest. “In aggiunta a questo, il Piemonte è da sempre centrale nelle innovazioni del settore Automotive e Aerospace, che sono i principali mercati di riferimento di Bytest”.

 

La collaborazione tra Bytest e Università del Piemonte Orientale (UPO)

“L’UPO”, sottolinea Marco Milanesio, professore associato di Chimica fisica presso il DISIT, “sta sviluppando materiali in lega leggera e polimeri additivati, caratterizzati in prima battuta con le tecniche di laboratorio a disposizione presso l’Università. L’interazione con Bytest permette di accedere a strumentazioni per misure non distruttive, quali radiografia computerizzata e metodi a ultrasuoni, che hanno una diffusione molto limitata in ambito accademico. Con questo approccio è possibile ottenere preziose informazioni sui materiali in grado di indirizzare lo sviluppo degli stessi verso l’applicazione industriale”.

La collaborazione del Dipartimento con Bytest si rivela molto importante per gli studenti dei corsi di laurea e di dottorato, poiché permette loro di capire e apprendere un approccio al progetto orientato al risultato applicativo, con una visione e una mentalità di tipo aziendale.

 

“Per poter crescere e mantenere il nostro posizionamento, Bytest”, aggiunge Stefano Pasquino, “necessita di una migliore strategia in termini di Ricerca e Sviluppo. A tal fine è stato istituito a Volpiano un centro operativo che possa investigare sulle nuove tecnologie di analisi non distruttiva. In particolare, è stato creato un laboratorio di sviluppo di tecnologia applicata alla costruzione di impianti per radiografia diretta a elevata automazione per analisi specifica di componenti di parti metalliche di componenti meccanici delle strutture aeronautiche ed industriali. In termini di automazione, all’interno del processo radiografico, hanno grande importanza il posizionamento e la movimentazione della parte da esaminare. In tale contesto, la collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale risulta di cruciale importanza per lo sviluppo di materiali innovativi ad assorbimento controllato dei raggi X per la realizzazione di maschere di posizionamento e supporti per la movimentazione tramite bracci antropomorfi”.

 

Un workshop sui test non distruttivi

A corollario della collaborazione tra Bytest e UPO, presso il Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica di Alessandria si è tenuto il workshop, organizzato dall’UPO in collaborazione con Bytest, Finpiemonte, Camera di Commercio di Alessandria e ISES Istituto europeo per lo sviluppo socio economico, intitolato “Test non distruttivi di materiali: un’opportunità di incontro tra ricerca di base e mondo industriale”.

L’incontro ha approfondito la tematica dei controlli non distruttivi su materiali, vista sia dal punto di vista accademico sia da quello industriale, trattando sia metodi basati sui raggi X come la tomografia, la diffrazione e la radiografia, sia metodi basati su altre sonde come gli ultrasuoni. Il campo di applicazione è quello dei materiali sia metallici che polimerici, con qualche accenno agli ultimi sviluppi della tomografia in ambito medicale.

 

Collaborazione efficace tra mondo accademico e impresa

“La Camera di Commercio di Alessandria”, evidenzia il Presidente dell’ente Gian Paolo Coscia, “da tempo sta collaborando per un’interazione efficace con l’Università del Piemonte Orientale, ed in particolare con il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica, su tematiche che vedono la ricerca scientifica in sinergia con le esigenze del tessuto imprenditoriale: un’abbinata che riteniamo vincente in un’ottica di crescita e sviluppo del nostro territorio

Per questo motivo, attraverso il nostro Punto Impresa Digitale, abbiamo contribuito promuovendo e coinvolgendo le imprese della provincia di Alessandria in questo seminario sui test non distruttivi all’interno del quale le rilevanti competenze di carattere accademico dei nostri docenti si sono intersecate con quelle altrettanto qualificate di un’importante impresa piemontese, come Bytest, appartenente ad una multinazionale leader a livello globale. Ritengo che il percorso di contaminazione e collaborazione tra mondo accademico ed impresa debba proseguire in questo solco e ci proponiamo di continuare a supportare questo tipo di iniziative”.

 

Il video del workshop di Bytest e UPO https://youtu.be/rsG6silGiTI

 

www.tuv.it

Letto 185 volte

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.