Bonaveri riceve il Premio “Sviluppo Sostenibile 2019”

L’azienda emiliana ha vinto a Ecomondo il premio nella categoria Economia Circolare, con il progetto “BNatural”: il primo manichino biodegradabile al mondo.

Tre categorie in gara per premiare le realtà italiane che si sono distinte per risultato ambientale, contenuti innovativi, possibilità di diffusione e di buone performance economiche. Con il progetto BNatural, Bonaveri si aggiudica il premio Sviluppo Sostenibile 2019 nella categoria Economia Circolare.

Bonaveri - leader mondiale nella produzione di manichini di alta gamma, con sede a Renazzo di Cento (FE) - è una delle dieci aziende selezionate per progetti concreti e virtuosi, in grado di rappresentare case history significative nell’ambito della Circular Economy.

Il progetto BNatural ha offerto per la prima volta sul mercato dei manichini un’alternativa sostenibile, grazie a un prodotto ottenuto da materia prima naturale e fonte rinnovabile. L’obiettivo di Bonaveri è stato quello di unire alla più alta qualità e attenzione al dettaglio - che da sempre la contraddistinguono - il rispetto per l’ambiente, le risorse e il pianeta, coniugando etica ed estetica. Con i manichini BNatural, i brand di moda hanno la possibilità di abbattere sensibilmente la propria impronta ambientale, promuovendo al tempo stesso un’economia sempre più circolare e sostenibile.

Il Premio Sviluppo Sostenibile, promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall’Italian Exhibition Group, con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha presentato i vincitori dell’undicesima edizione a Rimini, in occasione di Ecomondo. L’iniziativa ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana, importante riconoscimento a fronte dell’interesse culturale e istituzionale del progetto.

“Le mode passano, ma la natura resta ed è il bene più prezioso che abbiamo”, dichiara Andrea Bonaveri, CEO dell’azienda “Il progetto BNatural rappresenta l’inizio di un percorso che ci siamo impegnati ad intraprendere, che non coinvolge solo il prodotto, ma che si allarga a tutte le fasi della vita d’impresa. Siamo consapevoli del fatto che non ci può essere qualità senza responsabilità: etica ed estetica devono percorrere un sentiero comune”.

La cerimonia di premiazione si è svolta il 7 novembre a Rimini, in occasione di Ecomondo: le aziende e città premiate hanno ricevuto la Targa del Premio sviluppo sostenibile 2019, alla presenza del Presidente della Commissione Premio, Edo Ronchi, e di tutta la Giuria.

 

Un manichino realmente innovativo

Bonaveri è la prima azienda al mondo ad aver prodotto un manichino biodegradabile, realizzato in B Plast®, bio-plastica che deriva al 72% dalla canna da zucchero, e verniciato con B Paint®, la prima vernice naturale composta esclusivamente da sostanze organiche rinnovabili (con resine ed oli al 100% di origine vegetale, tensioattivi privi di fosforo, solvente di origine vegetale ottenuto al 100% da bucce di arancia ed essiccante privo di sali di cobalto e nafta).

L’intero processo è stato poi analizzato dal Gruppo di Ricerca Design e Innovazione di sistema per la Sostenibilità (DIS) del Politecnico di Milano, che ha svolto Life Cycle Assessment Analisys (analisi del ciclo di vita) misurando l’impronta ambientale dei manichini Bonaveri.

BNatural è non solo un prodotto certificato - Bplast e Bpaint sono garantiti OK-Biobased dall’ente TÜV Austria - ma anche corredato di un’analisi Cradle to Cradle (“dalla culla alla culla”) che ne dimostra l’efficienza in un’ottica di economia circolare. Oltre ad avere un ridotto impatto ambientale rispetto ai tradizionali manichini in vetroresina e polistirene lungo tutto il ciclo di vita, una volta dismesso il manichino in B Plast® biodegrada, rilasciando acqua e la stessa quantità di CO2 assorbita dalla canna da zucchero nella sua fase vegetativa.

I manichini in B Plast® permettono alle aziende che li scelgono di ridurre del 25,72% la loro Carbon Footprint: i manichini dei negozi incidono in maniera considerevole sull’impronta ambientale dei brand di moda e intervenire sulla loro qualità consente di agire positivamente su più ampia scala. Promuovere un sistema sempre più circolare è fondamentale per raggiungere obiettivi concreti, soprattutto in un settore, come quello moda, che ha uno dei più alti impatti ambientali.

 

Un packaging più eco-friendly

Nel 2016, con l’obiettivo di migliorare la propria performance ambientale, Bonaveri ha avviato una collaborazione con l’Università di Bologna per definire un packaging più eco-friendly. A seguito di una approfondita analisi LCA di tutto il ciclo produttivo, gli imballaggi erano infatti risultati come uno dei fattori più critici e impattati dal punto di vista della sostenibilità.

I nuovi packaging - realizzati con materiali sostenibili, con un minor peso dell’imballaggio, una scatola ottimizzata per la logistica dei trasporti e richiedenti un più breve tempo di confezionamento - hanno permesso una riduzione del 40 % delle emissioni di CO2, del 37% del consumo di energia e del 56% di quello di acqua.

Il progetto è stato premiato nel 2017 da CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), ricevendo il “Premio speciale per il caso più meritevole dal punto di vista tecnico-progettuale”. “Il Premio”, dichiara Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, “si propone di promuovere e far conoscere le buone pratiche e le tecnologie di successo della green economy italiana. Anche quest’anno la selezione ha avuto a disposizione una platea ampia di partecipanti: sceglierne solo 10 per settore non è stato facile per la Commissione degli esperti del Premio. Abbiamo registrato infatti una crescita della qualità green di molte iniziative che fa ben sperare.”

La novità dell’edizione del 2019 è l’assegnazione del Premio non solo alle imprese, ma anche alle città italiane. Le tre categorie in gara sono state infatti Green City - in collaborazione con il Green city network; per le Imprese il settore Economia Circolare - in collaborazione con il Circular economy network e le Energie Rinnovabili. Tutti sono stati premiati per il migliore risultato ambientale, i contenuti innovativi, la possibilità di diffusione e di buone performance anche economiche.

bonaveri.com/it/

www.ecomondo.com/eventi/iniziative-speciali/premio-sviluppo-sostenibile

Letto 141 volte

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.