ATEX e IECEx: apparecchi e componenti certificati in aree Ex

Negli impianti di processo vengono spesso svolte operazioni in cui si utilizzano gas infiammabili, liquidi o polveri combustibili. Si tratta di aree in cui le apparecchiature devono essere conformi alla Direttiva Europea 2014/34/EU, conosciuta come Direttiva ATEX. Inoltre, Inoltre, anche lo schema volontario IECEx può facilitare la loro accettazione anche in altri paesi.

L’importanza della certificazione è ben nota. Possedere la certezza e la tranquillità di acquistare un prodotto sicuro, per sé stessi e la propria famiglia è indispensabile. Apparecchi elettrici, elettronici e meccanici, per essere considerati tali, devono superare tutta una serie di controlli per ottemperare alle normative di riferimento esistenti.

Le apparecchiature elettriche ed elettroniche presenti in ambienti potenzialmente esplosivi devono essere conformi anche ai requisiti previsti dalla Direttiva Europea 2014/34/EU, conosciuta come Direttiva ATEX. In aggiunta, la certificazione di queste attrezzature secondo lo schema volontario IECEx può facilitare la loro accettazione anche in altri paesi.

 

Le aree Ex

Oggi gli ambienti industriali a rischio di incendio e di esplosioni dovuti all’uso di gas infiammabili, vapori o polveri combustibili sono in aumento, quindi le attrezzature presenti in questi luoghi devono essere specificatamente progettate per ridurre al minimo ogni possibile rischio. I produttori di apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche devono garantire che i loro prodotti soddisfino i requisiti previsti dai regolamenti e dalle norme applicabili.

Negli impianti industriali e di produzione vengono spesso svolte operazioni in cui si utilizzano gas infiammabili, liquidi o polveri combustibili. Questi ambienti potenzialmente pericolosi, noti anche come “aree Ex” (abbreviazione di aree esplosive), sono presenti in molte strutture industriali, come raffinerie, impianti di distribuzione, impianti chimici, impianti per la produzione agricola, impianti di trasformazione e di stoccaggio, miniere e persino alcuni ambienti ospedalieri.

 

Valutare il rischio di incendio o di esplosione

L’utilizzo di tali apparecchiature in prossimità, ad esempio, di gas, materiali infiammabili o combustibili aumenta il rischio di incendio o di esplosione, in quanto il normale funzionamento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche comporta spesso azioni o reazioni che possono innescare combustioni in presenza di gas o altri materiali infiammabili. Alcuni esempi possono essere:

  • scintille elettriche causate da un malfunzionamento
  • attività ad alte temperature dove le superfici calde potrebbero andare in autocombustione
  • scariche elettrostatiche che possono trasformarsi in fonte di innesco
  • scintille da attrito a causa del contatto ripetuto tra materiali.
  •  

La Direttiva ATEX e gli standard armonizzati

La Direttiva ATEX fornisce una panoramica dettagliata dei requisiti essenziali di sicurezza applicabili alle attrezzature utilizzate in ambienti pericolosi. I requisiti tecnici specifici per i vari tipi di attrezzature e degli ambienti in cui sono collocate afferiscono a standard armonizzati europei, e la conformità ai requisiti tecnici di questi standard costituisce la base per la certificazione ATEX.

A seconda del materiale e della sua destinazione d’uso, per la valutazione e certificazione del prodotto può essere applicata più di una norma armonizzata. Attualmente esistono circa 100 standard armonizzati di riferimento per dimostrare la conformità ai requisiti essenziali della Direttiva e gli elenchi aggiornati sono pubblicati periodicamente nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea.

In assenza di una norma armonizzata per un’attrezzatura specifica, o una determinata applicazione, fanno fede i requisiti tecnici previsti da norme nazionali o internazionali.

Le prescrizioni della Direttiva ATEX sono obbligatorie in tutta la Comunità Economica Europea (European Economic Area, EEA), che comprende i paesi membri dell’UE oltre a Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera.

 

Il ruolo di TÜV Italia – Gruppo TÜV SÜD

“Le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche destinate ad essere utilizzate in ambienti potenzialmente pericolosi devono rispettare determinati requisiti di sicurezza”, dichiara Tiziano Porqueddu, TÜV Italia Business Line Manager ATEX. “La conformità ai requisiti essenziali della Direttiva ATEX o dello schema IECEx garantisce che l’apparecchiatura non incorra in rischi aggiuntivi o comprometta la sicurezza dell’ambiente di lavoro. La necessità per i produttori di soddisfare determinate esigenze di sicurezza dei loro prodotti, amplia le opportunità di mercato e permette di rispondere alle richieste dei clienti”.

 

Maggiori informazioni sono disponibili nella relativa sezione del sito.

Per ulteriori approfondimenti è anche possibile scaricare un White Paper dedicato.

 

www.tuv.it

Letto 714 volte
Etichettato sotto

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.