AUMA: valvole attuate efficienti normate, sicure

Nata nel 1964 in Germania, AUMA sviluppa e costruisce attuatori elettrici e riduttori per l'azionamento di valvole e oggi è annoverata fra i costruttori leader del settore a livello internazionale. Ne parliamo con Nicola Spreafico, Responsabile divisione Oil & Gas di AUMA Italiana.

Nella produzione elettrica gestione energetica, nella gestione delle risorse idriche, nell'industria petrolchimica e nei più vari settori industriali gli utilizzatori puntano in tutto il mondo sui prodotti di grande affidabilità tecnologica costruiti da AUMA.

In impianti tecnici di processo, liquidi, gas, vapori e granulati vengono trasportati da tubazioni grazie a valvole industriali che aprono o chiudono queste vie di trasporto oppure ne regolano la portata. Gli attuatori AUMA permettono di azionare in remoto le valvole dalla stazione di controllo.

Spiega Nicola Spreafico, Responsabile divisione Oil & Gas di AUMA Italiana: “Fin dalle sue origini AUMA ha sempre avuto una concezione modulare del proprio prodotto, un'intuizione vincente che porta avanti ancora oggi con l’attuatore elettrico, composto da un motore e da un blocco di sensori, per la gestione e il controllo delle valvole industriali.

La modularità ci consente di proporre al mercato componenti personalizzati, realizzati ad hoc secondo le esigenze del processo. Facciamo un esempio: recentemente in alcune raffinerie, nell’ottica di una loro ottimizzazione, è presente un delayed coker che tratta gli oli pesanti, residui della lavorazione del petrolio, ad alta temperatura, per produrre petroleum coke. È un processo molto gravoso perché solitamente installato in impianti già esistenti e richiede inoltre temperature altissime, 500 °C contro i 400 °C della raffinazione. La valvola intercetta inizialmente fluidi molto sporchi e infine dei solidi. Possono quindi insorgere problemi sulla tenuta delle valvole, per le temperature e le vibrazioni (il residuo solido è frazionato con martelli idraulici). Criticità che abbiamo risolto.

Nel caso specifico del delayed coker siamo riusciti a introdurre innovazione tecnologica sul mercato, proponendo soluzioni realizzate ad hoc, che vi illustrerò. Tuttavia, non sempre i clienti o le società di ingegneria sono a conoscenza dell'esistenza di determinate soluzioni.

A mio avviso, le aziende che producono strumentazione o le società di ingegneria e gli utenti finali dovrebbero essere parte attiva negli enti di normazione. In Italia abbiamo UNI, in Europa il CEN e a livello globale ISO. Questi sono sedi molto utili al fine di condividere anche la conoscenza tecnologica.

Negli ultimi tre anni è stato avviato un progetto che si chiama Joint Industry Programme (Jip) 33, in cui i principali operatori del settore Oil & Gas intendono migliorare e standardizzare alcune specifiche. Questa è un'ulteriore opportunità per condividere conoscenza, competenza ed esperienza.”

 

Modularità e innovazione tecnologica

Per spiegare il nostro concetto di modularità e innovazione tecnologica nell’ambito del delayed coker, Spreafico porta alcuni esempi. “Nella raffineria di Lotos in Polonia, per la chiusura dei tamburi impiegati nella produzione di coke, abbiamo realizzato la motorizzazione di una valvola gate a doppio albero con un singolo attuatore.

In un altro impianto, l'alimentazione dei fluidi pesanti di scarto dal frazionatore principale doveva essere pilotata su un tamburo, sull’altro o su molteplici coppie di tamburi. Abbiamo deciso di installare una valvola multiporta selettrice che potesse intercettare il fluido e suddividerlo su 8-12 tubazioni.

Infine, Gazprom nel rinnovare la raffineria di Mosca Omsk ha chiesto di inserire la fase del delayed coker. Tecnimont ha quindi utilizzato un interblocco con logica SIL che abbiamo customizzato appositamente. Questo processo può essere infatti realizzato con più valvole e con più attuatori, che devono essere tutti interbloccati. La soluzione che abbiamo proposto è l'utilizzo di attuatori certificati SIL, realizzando una sequenza che garantisce che un attuatore sia aperto quando l'altro è chiuso.”

https://www.auma.com/it/ 

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.