Nasce un’azienda italo-cinese per produrre macchinari anti-Covid in Cina

Il fondo Chao Capital apre una joint venture con Newster System di Rimini nello stato asiatico. In uno stabilimento di 10mila mq troveranno lavoro da 200 a 300 dipendenti e verranno prodotte fino a 3.000 macchine all'anno specializzate nello smaltimento di rifiuti sanitari potenzialmente pericolosi, in particolare quelli Covid-19.

Vista la situazione pandemica dovuta al Covid19, che in Cina ha creato delle vere emergenze nello smaltimento di rifiuti potenzialmente infetti, Chao Capital ha deciso di rivolgersi all'Europa per scovare aziende specializzate nel settore.

La scelta è stata quella 'made in Italy' con gli innovativi macchinari di Newster System di Coriano, in provincia di Rimini. Dopo alcuni incontri, svolti nei mesi scorsi, la società collegata di Chao Capital firma oggi l'accordo con l'azienda romagnola per partire subito con la creazione di uno stabilimento nella città di Hangzhou, capoluogo della provincia di Zhejiang.  La cerimonia si è svolta in diretta Zoom tra la Cina e l'Italia.: tra Rimini, Hong Kong e Qingshan lake science and technoligical city di Hangzhou.

Lo stabilimento sarà inizialmente di 10.000 mq per poi raggiungere gradualmente i 30.000 mq, con dipendenti che varieranno dalle 200 alle 300 unità.  Le macchine prodotte, solo ed esclusivamente per il mercato cinese, saranno un migliaio l'anno, per raggiungere le 3.000 unità in quelli successivi.  Newster entra anche in una join adventure con quote paritarie, dove investirà e gestirà direttamente il know-how nella produzione di detti macchinari.

"Abbiamo accolto questa opportunità in questo momento particolare”, dice il signor Song Xuchao, rappresentante di Chao Capital. “Il presidente della Cina Xi Jinping, attribuisce grande importanza alla protezione ambientale e alla gestione corretta del problema legato all’ambiente per a riduzione l'inquinamento e proteggere la salute delle persone. Con il rapido incremento delle prestazioni sanitarie, le crescenti esigenze in cure mediche di alto livello e l’assoluta necessità di coniugare sviluppo tecnologico e rispetto per l’ambiente, dopo aver cercato in tutta Europa aziende del settore, abbiamo scelto l’azienda riminese Newster che opera da decenni nel campo della progettazione, produzione e vendita di macchine per la sterilizzazione di rifiuti a rischio infettivo.

Vogliamo collaborare insieme a dare una vera svolta al sistema del trattamento dei rifiuti sanitari in Cina che finora adotta maggiormente il sistema degli inceneritori. Purtroppo questo ultimo sistema sta creando seri problemi connessi all'inquinamento ambientale e alla salute pubblica. Se tutti i rifiuti sanitari in Cina venissero trattati in modo sicuro, potremmo risparmiare oltre 20 milioni di tonnellate di emissioni standard di carbone e dare un enorme contributo alla riduzione delle emissioni nel mondo".

 

Un accordo per i primi nove macchinari

La collaborazione è già partita con la firma di un MoU (Memorandum of Understanding) e con l’acquisto di 9 macchinari prodotti nella sede italiana di Newster da parte di Weidun Environmental Technology Co. LTD, holding di Chao Capital, pronti entro luglio. "Con questo progetto di collaborazione a lungo termine, Newster System espanderà il suo business nel territori cinese e dall'altra parte noi potremo beneficiare di questi macchinari con tecnologia “Frictional Heat Treatment”, continua Song di Chao Capital, “che porteranno un sensibile contributo alla riduzione di emissioni di gas inquinanti: l’implementazione di questa tecnologia ci aiuterà nel perseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale come indicato dalla Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti POPs. Il progetto ha anche ottenuto, per questo motivo, il sostegno delle autorità".

L'accordo JVA (joint venture agreement), dà il via alla seconda fase per la costituzione dell’azienda italo-cinese per espandere il business di Newster nel paese asiatico ad avviare concretamente il progetto di collaborazione.

"È la prima occasione per noi dove un grande gruppo di investimento lancia la nostra tecnologia”, commenta Andrea Bascucci, amministratore unico Newster System, “riconoscendola come una soluzione innovativa e ambientalmente sostenibile. Su questa soluzione abbiamo creduto fin dalla fondazione della nostra azienda”.

Gli interventi

Prima della cerimonia, i saluti del 'padrone di casa', Simone Badioli, Presidente delegazione riminese Confindustria Romagna e Vicepresidente Confindustria Romagna , dove si è svolta la cerimonia in territorio italiano. “Vogliamo complimentarci per questa un’iniziativa perché dimostra quanto sia importante, soprattutto in momenti critici come quello che stiamo vivendo, avere uno spirito imprenditoriale positivo e intraprendente. Grande attenzione alla ricerca, all’innovazione, all’internazionalizzazione e capacità di sapere trasformare le difficoltà in opportunità: quello di oggi è un segnale importante e uno stimolo in questa fase di ripartenza che vede le imprese impegnate a rimettersi in gioco dopo il lockdown. Sono stati mesi complicati e la salita non è certamente finita. Ma non dobbiamo e non possiamo arrenderci. L’Associazione continuerà ad essere al fianco delle aziende del territorio con un’idea di unione, sostenendo iniziative di crescita e di sviluppo”. Parole di apprezzamento al progetto sono arrivate ance da Romano Prodi, ex presidente della Commissione europea ed ex premier, e da Gloria Lisi, vicesindaco, a nome del Comune di Rimini.

 

Le autorità cinesi hanno così commentato: “Oggi siamo qui per questa importante cerimonia della firma del progetto tra Newster System srl e Weidun Environmental technology, per la produzione dei macchinari atti al trattamento dei rifiuti sanitari in loco, ecologici e informatizzati. Questo è un evento felice per lo sviluppo dell'industria di Lin'an. Il progetto migliorerà i metodi esistenti applicando il metodo innovativo, migliorando l'efficienza e alleviando la pressione nel trasferimento di rifiuti sanitari. Newster System srl è il leader europeo nel settore nella produzione dei macchinari per il trattamento dei rifiuti sanitari, è impegnata nella ricerca del metodo più innovativo e darà un nuovo slancio nell'innovazione 'hard science and technology' del corridoio di innovazione tecnologica di Hangzhou West. Da parte del governo locale, daremo pieno sostegno e forniremo le migliori garanzie per il lancio.

In Cina ogni anno più di 4 milioni di tonnellate di rifiuti infettivi vengono trattati con il metodo di incenerimento che nuoce gravemente la salute dei cittadini e crea danni ambientali. Con Newster produrremo dei macchinari ecologici che ridurranno notevolmente l’inquinamento. Si tratta di un nuovo modello di smaltimento dei rifiuti sanitari in sito, punto di riferimento innovativo per la costruzione di città senza rifiuti pericolosi.

Qishang lake science and technological city è un distretto di Hangzhou, ha più di 3000 kmq e più di 3000 km di strada asfaltata, è famoso per il suo patrimonio culturale, con siti storici, due zone protette, un grande lago e colline, dove vengono coniugate antichità e modernità, cultura e innovazione, industria e ambiente ecologico. Dopo la pandemia la zona si è fermata. La cooperazione tra Weidun Environmental Technology Co., Ltd. e NEWSTER System ci darà nuove e importanti aspettative anche di sviluppo”.

 

La situazione rifiuti in Cina

Sulla base dell'attuazione del regolamento per gestione dei rifiuti sanitari, la Commissione Nazionale per la Salute e Ministero per l’Ambiente, insieme ai dipartimenti competenti, hanno migliorato costantemente (dal 2017 ad oggi) la situazione. Tra la capacità di smaltimento e le aspettative del sistema sanitario esiste però ancora un certo divario che si è manifestato principalmente nei seguenti punti:

  • i centri di trattamento esterni non sempre riescono a garantire un servizio adeguato alle richieste del sistema sanitario, anche e soprattutto in relazione all’aumento dei quantitativi dovuti all’emergenza COVID-19;
  • difficoltà nella gestione dei dispositivi medici monouso come quelli per le infusioni e trasfusioni;
  • costi di smaltimento sempre più elevati a carico del sistema sanitario;
  • necessità di una supervisione integrata tra vari attori della filiera.

Al fine di attuare l'importante direttiva del presidente Xi Jinping sulla lotta all'inquinamento, per rafforzare ulteriormente la gestione nazionale dei rifiuti sanitari e proteggere la salute dei cittadini e degli operatori dedicati, il Comitato Nazionale per la Salute, Ministero per l’Ambiente e altri 10 dipartimenti hanno studiato costantemente un perfezionamento del piano in atto e ad aprile è stato infatti redatto il nuovo “Piano di gestione integrata dei rifiuti sanitari".

 

La tecnologia Newster per la sterilizzazione dei rifiuti sanitari

“Ci basiamo su una tecnologia tutta italiana e brevettata – spiegano Andrea Bascucci, amministratore unico Newster System e Ing. Marco Pericoli, direttore tecnico – per la sterilizzazione completa dei rifiuti solidi, basata su calore generato per frizione. Durante il processo il rifiuto viene finemente triturato e l’attrito generato rilascia calore fin a raggiungere una temperatura di 150 °C. In questo modo viene eliminato completamente il rischio biologico. Al termine dello smaltimento resta un prodotto disidratato, completamente irriconoscibile, senza cattivi odori, ridotto dell’80% in volume e del 15% in peso”.

“La tecnologia Newster è riconosciuta dalle più importanti agenzie internazionali”, sottolinea Gianluca Magrini, Responsabile Ricerca e Sviluppo”, tra le quali l’Organizzazione Mondiale Sanità che inserisce i nostri sistemi nell’ultima revisione del manuale di riferimento sulle migliori tecnologie BAT per la gestione dei rifiuti ospedalieri, In Italia l’attuale normativa di riferimento, D.P.R. 254/03, già prevede la possibilità per le strutture ospedaliere di installare sterilizzatori in loco. Questo permetterebbe di trasformare immediatamente un rifiuto infetto e pericoloso, in un rifiuto assimilabile all’urbano. Inoltre negli ultimi due anni abbiamo a fatto specifici studi per verificare che il rifiuto rimanga sterile anche fino a 28 giorni dal processo. Questo permetterebbe, in una situazione emergenziale come questa, la drastica riduzione di tutti gli spostamenti quotidiani per ritirare i rifiuti infetti e portarli all’incenerimento e metterebbe anche in sicurezza tutti gli operatori della filiera. Non parliamo del conseguente risparmio economico”.

L’installazione di questi macchinari rispetta a pieno quando indicato con gli ultimi decreti e permette di ridurre i costi di gestione dei rifiuti ospedalieri liberando, di conseguenza, risorse economiche preziose.

www.newstergroup.com/

www.linkedin.com/company/chao-capital/

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.