Sensori di livello e di pressione: VEGA completa il proprio portafoglio per la produzione farmaceutica

VEGA integra la sua offerta per il settore farmaceutico con il lancio di due nuove serie di strumenti compatti, dimostrando che l’automazione può essere semplice ed efficiente, senza scendere a compromessi sul piano della sicurezza, dell’igiene o della precisione,

Con 60 anni di esperienza nel campo della misura di livello e pressione nei più diversi settori, VEGA è lo specialista della sicurezza e dell’efficienza dei processi. Il portafoglio completo include innovativi sensori di livello, soglia di livello e pressione con design igienico certificato ed elevata resistenza ai processi di pulizia.

Grazie ai sensori su misura della piattaforma di strumenti plics®, VEGA è conosciuta per la propria qualità e affidabilità. Ora lo specialista nel campo della tecnica di misura propone una linea di sensori di pressione e interruttori di livello compatti dal prezzo più conveniente, pensati per le applicazioni standard nell’automazione e volti a soddisfare esattamente le attuali esigenze dell’industria farmaceutica.

 

Know-how per tradizione

I dispositivi per uso farmaceutico devono essere sicuri e semplici da usare e contribuire alla riproducibilità dei processi. La collaudata gamma di strumenti di misura di VEGA, offre ai gestori di impianti una tecnologia robusta e affidabile per il controllo preciso di processi chimici, termici o biologici in presenza di temperature e pressioni spesso molto elevate. Uno dei motivi per cui da 60 anni la tecnica di misura di livello e pressione di VEGA è apprezzata per la sua qualità è il fatto che ciascuno strumento è realizzato su misura, sfruttando la modularità della piattaforma di strumenti standardizzata plics®. La struttura ad alta compatibilità e il sistema di calibrazione unitario assicurano molteplici e svariate possibilità di impiego. Il sistema modulare intelligente dei sensori ampiamente collaudati consente una configurazione individuale, Dalla scelta del principio di misura idoneo, al tipo di collegamento e di messa in servizio, fino all’assistenza. I gestori degli impianti beneficiano di un’elevata disponibilità dell'impianto e della massima sicurezza di processo.

 

Sensori per applicazioni standard ottimizzate sul piano dell’igiene

Il controllo di processo si colloca in un contesto in costante evoluzione. Nel settore farmaceutico, le tendenze verso processi di produzione continui e una maggiore interconnessione comportano nuove sfide. Nonostante la produzione fortemente individualizzata, rimane invariato l’imperativo di produrre in maniera ancora più sicura e ancora più efficiente.

Anche nella produzione farmaceutica l’esigenza più diffusa è rappresentata da soluzioni di ottimizzazione e aumento dell’efficienza, ispirate al principio secondo cui con meno si ottiene di più. Per questo VEGA integra la sua offerta per il settore farmaceutico con il lancio di due nuove serie di strumenti compatti, dimostrando che l’automazione può essere particolarmente semplice e al tempo stesso estremamente efficiente, senza scendere a compromessi sul piano della sicurezza, dell’igiene o della precisione.

Le nuove serie di sensori di pressione e interruttori di livello compatti consentono l’automazione di applicazioni standard a prezzi ragionevoli. L’integrazione e la calibrazione risultano particolarmente semplici. Anche in questo segmento sono garantite svariate possibilità di collegamento standardizzate a supporto del costante miglioramento degli impianti di produzione. Le nuove serie di strumenti VEGABAR e VEGAPOINT sono concepite per soddisfare al meglio le esigenze in termini di compattezza, flessibilità, sicurezza e igiene ottimizzata e sono la risposta alla domanda crescente di sensori con varianza ridotta, in grado di supportare una produzione farmaceutica sempre più efficiente. Questi settori necessitano di prodotti più standardizzati e più semplici,  ma conformi ai requisiti igienici essenziali, nonché di prodotti interconnessi, semplici da collegare a unità di controllo esistenti e a terminali mobili. L’offerta di VEGA si basa sul principio «Quanto meno possibile, ma senza compromessi sul piano della qualità», che si traduce in «Tanto quanto necessario per risultati ottimali.»

 

La base è la standardizzazione

In tutti i campi d’impiego si adotta uno standard uniforme. Questo vale in particolare per il sistema di adattatori igienici realizzato per i sensori di pressione VEGABAR e gli interruttori di livello VEGAPOINT e compatibile con VEGASWING. Gli adattatori sono selezionabili secondo le esigenze specifiche, possono essere adeguati alle condizioni in loco e all’occorrenza possono essere sostituiti rapidamente. Tutti i nuovi strumenti sono predisposti per i procedimenti di pulizia CIP e SIP sempre più intensivi e grazie al proprio design igienico e alla finitura superficiale sono conformi a tutte le norme e omologazioni del settore.

 

Banco di prova pulizia CIP e SIP

Nei processi del settore farmaceutico, il tempo è un fattore sempre più decisivo e la produzione di principi attivi ad alta potenza ne richiede molto, soprattutto se si svolge in condizioni di camera bianca. Le procedure di pulizia CIP e SIP si annoverano tra le fasi di processo più dispendiose in termini di tempo. L’adozione coerente di un design igienico consente di pulire e sterilizzare più rapidamente gli impianti e di sfruttare il relativo potenziale di risparmio. In considerazione dei severi standard igienici vigenti nel settore, questo presuppone però che sia possibile fare affidamento al 100% sulla procedura di pulizia. Sono necessari componenti in grado di sopportare le difficili condizioni dei processi di pulizia e sterilizzazione e con una geometria tale da escludere l'accumulo di microrganismi negli spazi morti.

A mettere a dura prova i materiali degli strumenti di misura sono in particolare le sostanze ad alto contenuto di grasso, ma anche gli aromi. Anche i detergenti aggressivi impiegati nel processo CIP e le temperature elevate del vapore per la sterilizzazione SIP richiedono un’elevata resistenza chimica, nonché resistenza alla pressione e al calore. Le nuove serie di strumenti VEGABAR e VEGAPOINT soddisfano tutti questi requisiti. I sensori di pressione e gli interruttori di livello tollerano inoltre le temperature elevate, anche per periodi prolungati.

 

Igiene capillare

Ogni singolo componente delle nuove serie di sensori è realizzato conformemente ai criteri di progettazione igienica (Hygienic Design). Tutte le superfici dei sensori VEGABAR 29 e 39 che entrano a contatto con il prodotto sono realizzate in acciaio speciale e hanno una rugosità superficiale ottimale. I VEGABAR 28 e 38 sono disponibili in robusta esecuzione in ceramica, mentre per i sensori VEGAPOINT sono previste versioni in PEEK.

Tutti i materiali sono omologati e testati secondo FDA e CE 1935/2004 e i requisiti sono confermati da istituti e laboratori indipendenti. La costruzione degli apparecchi è certificata conformemente alle linee guida europee EHEDG e agli standard dell’ente statunitense 3-A Sanitary Standards Inc. Questo significa che vengono impiegati esclusivamente materiali resistenti alla corrosione. I microorganismi vengono eliminati in maniera affidabile tramite la pulizia e non hanno la possibilità di proliferare sulle superfici o negli interstizi. La costruzione dei componenti è inoltre conforme alle Norme di Buona Fabbricazione GMP (Good Manufacturing Practice).

 

Visualizzazione a 360° dello stato d'intervento

Spesso i sensori sono impiegati in aree molto estese o in spazi particolarmente angusti. La necessità di superare una barriera igienica per la lettura di un sensore comporta un dispendio considerevole. D’altro canto è fondamentale riconoscere rapidamente lo stato d’intervento dei sensori, in modo da poter reagire tempestivamente soprattutto in caso di errore.

In fase di sviluppo dei nuovi VEGABAR e VEGAPOINT è stata riservata particolare attenzione alla semplicità di handling, in cui rientra anche il rapido riconoscimento degli stati d'intervento da qualsiasi angolazione, sia vicino allo strumento, sia a distanza considerevole. La visualizzazione a 360° consente il riconoscimento visivo degli stati d'intervento da qualsiasi punto di osservazione. Il colore dell’anello luminoso, selezionabile a piacere tra 256 tonalità, è ben visibile anche con intensa luce diurna. Gli utenti possono scegliere il colore che risulta più semplice da riconoscere nello specifico ambiente applicativo e beneficiare quindi di una sicurezza supplementare. Basta uno sguardo per riconoscere se la misura è in corso, se il sensore interviene o se eventualmente è presente un’anomalia nel processo.

 

Nuova serie di strumenti compatti con IO-Link

Per le decisioni relative agli interventi di manutenzione e la pianificazione ottimale dei tempi di fermo, i gestori degli impianti si affidano ai dati sullo stato. Nel frattempo, i costruttori di impianti impiegano quasi esclusivamente sensori intelligenti con tecnologia IO per godere dei vantaggi universali che offre in termini di disponibilità dei dati.

Oltre a poter essere installati in maniera rapida ed economica tramite un comune cavo a tre conduttori, con IO-Link i sensori possono anche essere sostituiti in modo particolarmente semplice e privo di errori. Il protocollo standard consente anche la rapida messa in servizio dell’impianto e la riduzione dei tempi di fermo. In caso di sostituzione del sensore, l’opzione di trasferimento automatico di tutti i parametri del sensore dal master IO-Link o dal sistema di controllo al nuovo strumento contribuisce ad aumentare l’efficienza. Quest’opzione risulta particolarmente vantaggiosa anche per eventuali adeguamenti necessari per esempio in seguito a modifiche di formato o ricetta piuttosto frequenti nel settore farmaceutico.

Nel complesso, l’impiego di IO-Link consente un risparmio di tempo e una drastica riduzione del potenziale di errore. Questo assicura una qualità del prodotto più elevata, uno sfruttamento ottimizzato delle macchine e una maggiore velocità dei processi, quindi risparmi considerevoli.

 

Interrogazione remota dei dati in tutta sicurezza

L’accesso fisico alle camere bianche comporta procedure complesse e dispendiose. Il comando wireless dei sensori tramite un terminale mobile offre una soluzione semplice ed sicura. In combinazione con l’app VEGA Tools, già insignita di un App Award, l’interrogazione di dati del sensore su brevi distanze risulta particolarmente confortevole anche in questi ambienti.

 

Automazione efficiente da un’unica fonte

Nei processi dell’industria farmaceutica, i fattori decisivi per incrementare l’efficienza e affermarsi in un contesto sempre più concorrenziale sono: design igienico, disponibilità dell’impianto, modularizzazione e interconnessione. In un settore caratterizzato da condizioni estreme e massimi standard di sicurezza e flessibilità degli impianti, VEGA attinge alla propria esperienza pluridecennale per offrire tecnica di misura di livello e pressione d’avanguardia per l’automazione e il monitoraggio degli impianti di produzione.

Per sfruttare al meglio il potenziale insito nelle applicazioni standard e nell’impiego di una piattaforma di controllo aperta, VEGA ha completato la propria gamma di strumenti con una serie di sensori di pressione e interruttori di livello compatti. I nuovi strumenti di misura sono realizzati ad hoc per le applicazioni standard che non vogliono scendere a compromessi sulla qualità.

Il sistema di adattatori standardizzato delle nuove varianti compatte garantisce la flessibilità necessaria per ridurre il dispendio di tempo e denaro grazie all’ottimizzazione della gestione di magazzino. Gli attacchi di processo sono selezionabili secondo le esigenze specifiche e possono essere adeguati in maniera flessibile alle condizioni in loco. La nuova serie compatta si contraddistingue anche per l’intelligenza dei sensori: il protocollo standard IO-Link assicura una comunicazione semplice e intelligente. Gli strumenti dispongono pertanto di una piattaforma di comunicazione universale che consente il trasferimento diretto dei dati e la semplice integrazione nell’impianto. Sono quindi equipaggiati per i processi produttivi del futuro e contribuiscono già oggi all’implementazione di Industria 4.0.

www.vega.com/farmaceutica

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.