Valvole in plastica dal design modulare

Le valvole in plastica continuano a dimostrare la loro efficacia, poiché sono durevoli, esenti da corrosione e altamente resistenti ai prodotti chimici. Le valvola a sfera 546 di Georg Fischer Piping Systems, azienda che opera nel mercato dei sistemi di tubazioni in plastica, costituiscono un esempio in tal senso.

Pochi componenti offrono un potenziale quale quello delle valvole nell’aumentare l’efficienza di un sistema di tubazioni. Esse consentono di ridurre i costi operativi e di retrofit, di limitare il rischio di errori di funzionamento o di manomissione del sistema, nonché di anticipare esigenze future.

Negli ultimi quindici anni, molti settori si sono mossi in questa direzione, specialmente l’industria dei processi chimici e il trattamento acque. La nuova generazione di valvole prosegue su questa strada: la loro struttura modulare con accessori opzionali permette loro di adattarsi in maniera semplice e flessibile a esigenze mutevoli - il retrofit richiede solo pochi minuti. Le valvole in plastica continuano a dimostrare la loro efficacia, poiché sono durevoli, esenti da corrosione e altamente resistenti ai prodotti chimici: la valvola a sfera 546 di Georg Fischer Piping Systems, azienda che opera nel mercato dei sistemi di tubazioni in plastica, costituisce un esempio in tal senso.

L’esperienza dimostra che le valvole in plastica di elevata qualità sono esenti da manutenzione e possono essere adattate in maniera ottimale al fluido di riferimento, essendo disponibili in vari materiali. Non contenendo parti in metallo a contatto con il fluido, eliminano il rischio di corrosione, nonché i danni e i costi che ne conseguono. Inoltre, anche se la digitalizzazione non costituisce ancora un elemento chiave in tutte le aziende, rappresenta comunque un trend importante. Grazie a un feedback di posizione elettrico, la valvola di nuova generazione può essere installata facilmente anche in un secondo momento e, tramite un codice data-matrix, può fornire informazioni sui componenti fondamentali del sistema.

Inoltre, se una valvola automatizzata si usura, non è necessario smontarla completamente ed effettuare il conseguente controllo della tenuta stagna. Infatti, un punto di rottura programmato all’interno dell’interfaccia permette di sostituire il manicotto in pochi minuti e senza interruzioni.

Per saperne di più www.546.gfps.com

Letto 380 volte Ultima modifica il Martedì, 30 Luglio 2019 18:49

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.