BtoB nel chimico: appuntamento a Francoforte

L’edizione 2019 dello European Chemistry Partnering si svolgerà a Francoforte il 26 febbraio prossimo. Per questa terza edizione si prevede una forte crescita nel numero di espositori e di visitatori. Ce ne parla Holger Bengs, Presidente di BCNP Consultants GmbH.

 

di Alessandro Gobbi

Giunta alla sua terza edizione, l’European Chemistry Partnering rappresenta ormai un fondamentale punto d’incontro internazionale per le aziende presenti nel settore chimico, biotecnologico, farmacologico, nell’engineering e nella digitalizzazione. All’edizione 2018 più di 500 aziende partecipanti provenienti da ben 31 paesi differenti si sono confrontate sulle più attuali tematiche in materia. Grandi Gruppi Industriali come Henkel, BASF, Hoffmann-La Roche, Mitsubishi Chemical o Beiersdorf hanno preso parte condividendo le loro tecnologie attraverso un’attività di testimonianza e reporting.

Accanto a queste rinomate società occorre anche ricordare le numerose start-up che spesso rappresentano degli utili e interessanti esempi di primaria innovazione. Scambi di prodotti, tecnologie e modelli di business connotano la filosofia portante dell’evento. Conferenze con interventi di massimo 6 minuti, stands e 1200 incontri privati programmati e prenotati hanno animato l’edizione 2018 e si prevedono numeri in forte crescita per l’appuntamento del prossimo febbraio.

Organizzatore dell’evento è la primaria società di consulenza chimica BCNP Consultants GmbH, che si trova a Francoforte, nei pressi degli uffici della German Chemical Society (GDCh). Per capire meglio quali sono le principali novità di questa terza edizione dello European Chemistry Partnering, che si preannuncia animata da più di 1.000 aziende partecipanti, abbiamo rivolto alcune domande al dottor Holger Bengs, Presidente di BCNP Consultants GmbH.

 

A ECP si darà appuntamento il mondo della chimica di processo europea per aggiornarsi sulle nuove tecnologie ad avviare nuovi business. Ci può raccontare come si svolgerà l’evento?

Ha ragione: ECP non riunisce solo gli operatori dell'industria chimica di processo, ma anche i rappresentanti dell'intera catena del valore, dall'industria petrolchimica, attraverso i produttori di prodotti chimici fini e speciali, ai produttori di beni di consumo e agli utilizzatori di prodotti chimici, come le materie plastiche, utilizzati in molte aree.

ECP è un evento unico nel suo genere, che avviene in modalità speed date. I partecipanti possono mettersi in contatto tra loro con scambi rapidi attorno a brevi lectures o comunicazioni orali e attraverso appuntamenti precedentemente concordati. Ciò permette di avere anche gli impulsi da altre discipline per poter sviluppare le innovazioni di domani. Dobbiamo ancora una volta imparare a scambiare informazione superando i nostri confini: la chimica oggi è ad esempio anche bioeconomia e digitalizzazione.

 

Le varie fasi si distinguono in Pitch. Partnering. Exhibition. Networking. Quali sono le caratteristiche e i vantaggi per parteciparvi per gli stakeholder della chimica. Quali sono le loro caratteristiche?

ECP ha una struttura chiara e non è una fiera per i prodotti esistenti o un futuro congresso sulle tendenze dei prossimi anni: in lezioni brevi, i cosiddetti "campi" (pitches). i partecipanti vengono a conoscenza di tecnologie di processo innovative direttamente dalle start-up e dalle PMI. Al 3° ECP possono presentarsi le grandi aziende chimiche: ad esempio, Sanofi, Merck e Haldor Topsøe o UPM utilizzano i pitches al contrario per presentarsi come partner innovativi per l'innovazione. Al centro dell'ECP ci sono i business talks della durata di 20 minuti: questi possono essere concordati in anticipo tramite un tool online. Se entrambi i partecipanti accettano l’appuntamento, il sistema assegna orario e numero del tavolo. Abbiamo già avuto oltre 1200 riunioni di partenariato nel secondo ECP in sole sei ore. Più di 50 espositori mostrano i loro prodotti e servizi, invitando i visitatori a fermarsi e a interagire.

Ciò che tiene unito ECP è il networking: rafforzare il nostro network consente trovare soluzioni a problemi importanti come l'alimentazione, la salute, la mobilità, il tempo libero, l'edilizia e le molto altro ancora. Al centro di tutto, i temi legati a chimica ed energia.

 

A ECP sarà possibile interagire con il più alto numero di start-up e PMI innovative in Europa sia nella chimica di base sia nella chimica fine. Quali sono i principali temi di interesse di sviluppo di nuovi business?

Raggruppiamo i campi in diversi argomenti, come Nuovi materiali e Nanomateriali, Catalizzatori ed Enzimi, Tecnologia e Hardware, Analisi. Inoltre, vi sono questioni trasversali come la digitalizzazione, in cui si presentano le aziende che si occupano di Big Data, IT o Blockchain.

Altra innovazione importante verrà presentata per la prima volta al terzo ECP è quella di mettere insieme saperi diversi: combiniamo argomenti come acqua e chimica, energia e chimica, IT e chimica, stampa 3D e materie plastiche, e - il mio highlight personale - legno e chimica. In tal senso ECP è un’occasione unica: Spesso non si crede a quali soluzioni il mio vicino "tecnico" abbia già per il mio problema. Devo solo parlare con lui.

 

Ci può fare qualche esempio di contatti importanti in ECP che hanno generato business importanti?

Non è così facile ottenere dettagli, che riguardano l’innovazione di processi e prodotti. Le società parlano in modo confidenziale, concludono un accordo di riservatezza e, naturalmente, vogliono tenere fuori la concorrenza. Ma ecco alcuni esempi che conosco:

  • l’imprenditore di una start-up che sviluppa sistemi di drug delivery ha trovato un business angel che investe;
  • un contract manufacturer asiatico è stato in grado di produrre una specialità chimica per un'azienda life science nel campo della metatesi.

Molti venture capitalist stanno osservando da vicino quali aziende internazionali stanno sviluppando buoni modelli di business. C'è competizione anche tra gli investitori, e molti potrebbero non crederci. Sempre più modelli di business stanno emergendo intorno alla chimica, all'economia circolare. E le start-up della digitalizzazione cambieranno definitivamente la produzione chimica. Spesso non ci sono chimici in queste aziende. Siamo all'inizio di una rivoluzione.

 

Il Suo intervento di apertura ha un titolo assai significativo: "Chemistry makes the World go Around". Quali sono gli obiettivi che ECP intende perseguire nei prossimi anni?

Mi ha fatto molto piacere quando il CEO di High-Tech Gründerfonds, il principale investitore delle prime edizioni di ECO in Germania, mi disse. "Il partenariato per la chimica europea è una pietra miliare per il nostro settore in Europa", perché è così. In realtà fare business nella chimicia non è fare un reset di altre discipline. La chimica è solo la parola d'ordine per unire tutte le discipline.

Il 97% dei nostri prodotti contiene almeno una fase di produzione chimica, e ora ci sono altri processi e tecniche che sono cruciali per la nostra salute e qualità della vita. Vogliamo tutti rendere sostenibile il nostro pianeta, basti pensare agli enzimi biotecnologici che migliorano i processi chimici già consolidati, riducono gli sprechi e risparmiano energia.

A ECP una comunità chimica in continua crescita di creativi, innovatori e decision maker si incontra per cercare e rapidamente trovare nuove soluzioni per un mondo migliore. Ecco perché dico: non soldi, la chimica fa girare il mondo. E naturalmente intendo anche la chimica tra le persone che ci lavorano. Ci aspettiamo oltre 1.000 innovatori provenienti da oltre 40 nazioni a Francoforte il 26 febbraio prossimo. Persone che vogliono fare la differenza.

Per eventuali iscrizioni vi segnaliamo il link en.xing-events.com/e/rzjrht all’interno del quale digitare inoltre il codice ECP-Partners_3rd-ECP per avvantaggiarsi di un interessante sconto del 10%.

 

Per acquisire una più completa conoscenza dell’evento vi invitiamo a consultare il sito european-chemistry-partnering.com.

Letto 430 volte Ultima modifica il Giovedì, 24 Gennaio 2019 16:29

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

Contatti

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com

Top
I cookie ci aiutano a rendere i nostri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Navigando questo sito accetti il loro utilizzo secondo la policy vigente.